A Bosto per una partita “ordinaria” ??

(sabato 2 dicembre)

Torno a Bosto oggi pomeriggio per una partita apparentemente tranquilla e ‘di facile gestione’ (!! forse ?), ma che si rivelerà tutt’altro che una formalità per ambedue, tra la squadra under 16 ‘A’ locale di Giadini contro Bergoro Volley di Fagnano Olona. In una classifica ormai “sgranata” le due compagini militano tra le “seconde fila” !
Bergoro parte subito forte (0-4), il sestetto si mostra subito aggressivo e “a tutto tondo”, molto attivo a muro – anche se non infallibile – e riesce a tenere a bada le avversarie, non da meno (8-12 e 11-17 al giro di boa). Di fatto, le ragazze di coach Giadini paiono un pò “limate” per come me le ricordo e qua e là peccano in leggerezze. Benché capitan Flossi capitalizzi un buon turno in battuta (break di 6 punti per il 21-22 da 15-18), le ospiti portano a casa il primo set.
Al ritorno in campo Folgore si presenta più reattiva e coesa, disputando forse il set migliore quanto a dinamiche di gioco dimostrando le sue “armi” migliori. Nuovo stravolgimento nel successivo con Bergoro che vuole crederci, realizzando il “colpaccio” fuori casa, mentre le locali non riescono a … impattare sul parziale ( 17-25).
Cresce l’intensità dentro e fuori, un paio di indecisioni arbitrali che accendono’ gli animi. Si procede punto a punto praticamente, con Bosto che si trova in vantaggio 11-8 al giro di boa e complice un pò di ” lavoro sporco” della prima linea avversaria (leggi invasione a rete) , unita a una scarsa produttività, si impone 25-14 portando il match al tiebreak.
Set di spareggio che inizia bene per la squadra di casa -84-0) ma poi con Scandroglio in battuta e un bel dialogo del gruppo Bergoro si porta avanti 10-4. Folgore al cambio campo cerca la risalita, non certo facile a questo punto, sprecando però alcune buone palle sul finale (leggi “servizio-out”).

Dalla gara di oggi apprendo o meglio focalizzo che su certe azioni che possono andare appannaggio dell’una o dell’altra squadra non è facile dal punto di vista arbitrale tornare indietro sulla propria primaria decisione, benché ciò sia previsto dal RdG, in particolare in determinati contesti/situazioni di gioco.

 

Senza storie invece la designazione domenicale tra le due formazioni under 13 di CSI Luvinate e San Pietro di Cassano Magnago; “prima stagionale” con queste ultime. In poco più di un’ora di gioco le locali liquidano la pratica con un perentorio 5-0; solo nel quarto set San Pietro si fa vedere approfittando di qualche leggerezza di Luvinate mettendo alla prova la contraerea avversaria (finale 17-14).

Probabilmente San Pietro paga in parte la giovane età delle atlete nonostante la loro buona volontà (infatti le si vedono correre su ogni pallone) e dunque pesa ancora la variabile “inesperienza”; dall’altra CSI Luvinate, in testa al girone, si conferma essere una squadra aggressiva e duttile con pedine importanti e ben mature che non rinunciano a sciorinare attacchi di tutto rispetto (vedi capitano in posizione 2 o 4).
Diverse sono le fatidiche palle morte che cadono dal bordo superiore della rete dall’una e dall’altra parte, cogliendo di sorpresa chi riceveva ! …

Questa voce è stata pubblicata in Parlando di Volley ... Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...